Archives: Novembre 30, 2018

photo of a white truck with lights

Conformità legale senza sanzioni

Il mancato rispetto dei tempi di guida e dei periodi di riposo può essere costoso per i conducenti, e in particolare per le imprese. Se un conducente viene sorpreso a guidare un camion sulla strada per due ore in più rispetto al tempo di guida giornaliero massimo consentito, ad esempio, viene applicata una multa di 280 euro per ogni mezz’ora eccessiva di tempo di guida. Le multe per violazioni come questa rappresentano un rischio da non sottovalutare. Un’estensione della soluzione collaudata di VDO consente ora ai conducenti di valutare i tempi di guida e i periodi di riposo.

Sempre più controlli su strada su potenziali infrazioni alla guida.

Solo il 26 e 27 gennaio di quest’anno sono stati ispezionati complessivamente 618 veicoli nell’ambito dell’operazione straordinaria dell’Ufficio federale del trasporto merci (BAG). L’operazione è costata ai conducenti un totale di 89.205 euro in depositi cauzionali. Le conseguenze delle violazioni che sono state segnalate e valutate come multe rappresentano indubbiamente un notevole rischio finanziario per la gestione della flotta.

Il BAG ha già annunciato che intende continuare a effettuare controlli a livello nazionale incentrati sul cabotaggio, periodi di riposo settimanale regolare e controlli tecnici su strada per tutto il 2022. Grazie all’interfaccia DSRC (Dedicated Short Range Communication) dei tachigrafi intelligenti, sta diventando molto più facile per le autorità di controllo identificare i veicoli sospetti e recuperare i dati e le informazioni sui veicoli sulle violazioni della sicurezza durante la guida. Ciò significa che le ispezioni dispendiose in termini di tempo dovranno essere eseguite solo in caso di sospetto di violazione.

Conoscere le potenziali multe che possono essere inflitte in qualsiasi momento.

La probabilità di violazione aumenta con le dimensioni di una flotta. Ciò significa che esiste un rischio costante che alle flotte vengano emessi avvisi di penalità. Tutto dipende da quanto diligentemente gli equipaggi dei veicoli rispettano i tempi di guida e i periodi di riposo. Con la nuova fedina penale europea ERRU in vigore, ciò può avere gravi conseguenze, fino alla perdita delle licenze comunitarie.

Al fine di valutare meglio questi imponderabili, VDO ha sviluppato un nuovo modulo come parte del suo software di gestione della flotta TIS-Web® DMM 5.0. In futuro, il catalogo VDO delle multe aiuterà i gestori di flotte a tenere costantemente d’occhio l’impatto finanziario di questo rischio. Il catalogo abbina i dati del tachigrafo con il tipo di violazione e il livello delle multe in ogni particolare paese. Ciò consente ai gestori di flotte di quantificare il rischio preciso di multa ogni volta che i dati vengono scaricati dal tachigrafo.

Intraprendi l’azione giusta.

La funzione multe sarà disponibile da aprile per tutti i clienti che hanno prenotato un pacchetto Advanced o Professional per TIS-Web® DMM 5.0. Questa espansione inizierà per la Germania, il Regno Unito e la Spagna, con altri paesi dell’UE a seguire. A proposito: TIS-Web® offre l’accesso gratuito alla prova. Provalo. È il modo migliore per scoprire se la soluzione soddisfa le tue esigenze. Clicca qui per l’accesso gratuito alla prova: Telematica Flotte – Xena Projects.


TEMPO DI GUIDA E ORARIO DI LAVORO – A COLPO D’OCCHIO

Nel 2020 l’Ufficio federale per il trasporto merci BAG ha registrato in Germania oltre 15’000 infrazioni alla legge sui conducenti ai sensi del regolamento (UE) n. 561/2006 e dell’AETR. Le violazioni dei tempi di guida e dei periodi di riposo, nonché le norme sull’orario di lavoro sono tra le principali ragioni delle multe, il che non sorprende data la complessità delle normative europee sui tempi di guida e di riposo. Una molteplicità di normative nazionali sull’orario di lavoro che svolgono anche un ruolo importante nella programmazione rendono la situazione ancora più complicata. Il calcolo dei tempi di guida pone costantemente sfide sia per gli equipaggi dei veicoli che per i gestori di flotte. Il modulo software di gestione della flotta VDO Fleet Working Hours può aiutare a risolvere questo dilemma.

Il tempo di guida è solo un elemento dell’orario di lavoro.

Il tempo di guida è il tempo durante il quale un veicolo viene “guidato”. Ciò include i momenti in cui il veicolo non si muove, ad esempio quando è in piedi ai semafori o agli incroci ferroviari. Il tempo di guida è ovviamente solo un elemento dell’orario di lavoro. Questo è definito come il periodo tra l’inizio e la fine del lavoro. Le pause di riposo e i periodi di riposo non contano come tempo di guida o orario di lavoro. Anche i periodi di disponibilità all’interno o all’esterno del camion non contano come orario di lavoro. Ma attività come il carico e lo scarico o la supervisione del carico e dello scarico lo fanno. Nell’orario di lavoro sono inclusi anche i lavori di manutenzione o di pulizia o il tempo necessario per affrontare le formalità ufficiali o legali. Mentre norme uniformi si applicano ai periodi di guida e di riposo, l’orario di lavoro massimo nazionale può differire notevolmente l’uno dall’altro.

Altri paesi – altre normative sull’orario di lavoro.

Le diverse normative nazionali sull’orario di lavoro pongono sfide sbalorditive per i gestori di flotte europei. Il banale esempio dell’orario di lavoro giornaliero da solo lo dimostra. Ad esempio, l’orario di lavoro giornaliero massimo in Francia è di 10 ore, ma può essere esteso a 12 ore sei volte in un periodo di 12 settimane. In Germania, invece, il limite è di 8 ore e può essere esteso a 10 ore, a condizione che non vengano superati un orario di lavoro medio e un tempo di guida massimo di 8 ore. In Svizzera, i conducenti possono lavorare 9 ore al giorno e 10 ore due volte a settimana. I dispatcher devono quindi sempre essere consapevoli del fatto che se i conducenti sono autorizzati a lavorare al di fuori del loro puro tempo di guida dipende molto da dove si trovano. Va da sé che le norme sull’orario di lavoro settimanale, sui periodi di riposo e su altre questioni sono altrettanto complicate.

L’Austria come primo esempio.

In Austria, per orario di lavoro si intende il tempo di guida, altri lavori e periodi di disponibilità. In una media di 17 o 26 settimane (a seconda del contratto collettivo), l’orario di lavoro massimo non può superare le 48 ore. Se sono inclusi anche i periodi di disponibilità, è possibile in media lavorare fino ad un limite di 55 ore settimanali. Nelle singole settimane, i conducenti possono essere in grado di lavorare fino a 60 ore. Il tempo massimo di guida ai sensi delle normative UE, al contrario, è di 56 ore. Tenendo presente tutto il lavoro che un conducente deve svolgere oltre alla guida, è chiaramente molto difficile utilizzare tutte le 56 ore di guida consentite in Austria senza correre il rischio di essere multati.

Le pause orarie dei conducenti sono altrettanto fuorvianti. Le normative UE richiedono ai conducenti di fare una pausa dopo 4,5 ore di guida. Questa pausa non conta più come tempo di guida, ma conta come orario di lavoro – e in Austria questo deve generalmente essere interrotto dopo 6 ore al più tardi. È quindi importante osservare molto da vicino il modo in cui i conducenti trascorrono le pause orarie dei conducenti.

Un esempio particolarmente impressionante è il divieto generale di guidare camion di peso superiore a 7,5 t, che si applica in Tirolo dalle 15:00 del sabato alle 22:00 della domenica. La polizia tirolese ha registrato solo 1260 violazioni di questo divieto tra gennaio e marzo.

Crescente pressione sui gestori di flotte.

Queste e innumerevoli altre normative rendono estremamente difficile per i gestori di flotte tenere traccia delle normative che determinati conducenti devono osservare in qualsiasi momento in ciascuno dei paesi in cui lavorano. Questo può essere un enorme mal di testa per i dispatcher e non solo costa tempo, ma frequenti multe altrimenti evitabili.

A seconda delle dimensioni della flotta, i rischi di multe sono quindi considerevoli. In questo contesto, il nuovo casellario giudiziario europeo ERRU può comportare sanzioni severe, che possono estendersi anche alla perdita di una licenza comunitaria.

VDO Fleet confronta i dati del tachigrafo con le normative UE e le leggi nazionali.

I tempi sono quindi maturi per una soluzione digitale. E una soluzione è ora disponibile con il software di gestione della flotta VDO Fleet, con funzioni che vanno ben oltre il soddisfacimento dei requisiti di archiviazione prescritti dalla legge. Il programma inizialmente legge i dati dal tachigrafo intelligente come al solito e li salva secondo le specifiche. La novità, tuttavia, è che i dati non vengono solo confrontati automaticamente con le normative UE sui tempi di guida e di riposo, ma anche con le normative sull’orario di lavoro del paese in cui si sono svolti i viaggi. In Austria, ad esempio, il software controlla anche le attività di guida rispetto all’ordinanza austriaca sull’orario di lavoro e rileva eventuali violazioni. Le violazioni da parte dei singoli conducenti sono chiaramente visualizzate nelle segnalazioni di violazione, ad esempio nel registro dei turni o nella carta del conducente del tachigrafo.

Ciò significa che i gestori di flotte non devono più preoccuparsi di normative temporali diverse e rimanere sempre al sicuro, così come i loro conducenti, che possono essere istruiti di conseguenza. Poiché la funzione è disponibile in tutti i paesi dell’UE, VDO è una soluzione di conformità integrata che fornisce completa trasparenza per un’intera flotta, ovunque operi. Le violazioni sono chiaramente visualizzate sul cruscotto, il che significa che molti problemi possono essere risolti rapidamente: ad esempio, i conducenti che non rispettano la legge possono essere addestrati di conseguenza ed è possibile passare a percorsi migliori, se necessario. Data la complessità delle normative nazionali, il modulo di gestione della flotta VDO Fleet Working Hours rende molto più facile gestire le flotte in conformità con la legge e quindi evitare multe.


MEGLIO INSIEME – CON IL DTCO 4.0E

Il modo più semplice per migliorare i prodotti è comunicare direttamente con gli utenti e rispondere alle loro esigenze e desideri. Questo vale in particolare per il tachigrafo intelligente di VDO – e per chi potrebbe dare suggerimenti migliori per ottimizzare la guida dell’utente rispetto ai conducenti che lavorano con questo dispositivo ogni giorno. Il risultato di questa stretta collaborazione tra utenti e VDO ha ora portato al DTCO 4.0e.

Più comfort

Il DTCO 4.0e ha ricevuto la sua autorizzazione ufficiale nel gennaio 2021 con l’approvazione del progetto. La particolarità di questa nuova versione del tachigrafo intelligente è che si basa esclusivamente su un aggiornamento software di base per il DTCO 4.0. Il produttore Continental sottolinea soprattutto i miglioramenti nelle prestazioni e nella guida per l’utente, e i miglioramenti sono disponibili per gli acquirenti senza che debbano acquistare e installare un nuovo dispositivo.

La base per le ottimizzazioni è stata fornita dagli utenti stessi, che avevano condiviso le loro esperienze di gestione con la versione precedente. I risultati possono essere visti in molti dettagli, grazie ai quali il DTCO 4.0e renderà più facile il lavoro quotidiano dei conducenti in futuro. “Si tratta di un puro aggiornamento del comfort, non critico per la sicurezza”, afferma Ralf Dohmen, Head of Customer Management di Continental, quindi l’aggiornamento non era legalmente obbligatorio. Tuttavia, se vuoi fare un vero favore ai tuoi conducenti, basta che l’officina installi l’aggiornamento per te durante la prossima ispezione periodica.

Con l’amore per i dettagli

Le tante piccole cose che rendono il DTCO 4.0e molto più piacevole da usare saranno evidenti fin dall’inizio. Il display “Welcome” ora mostra il nome del conducente e il timeout per l’inserimento manuale è stato esteso a dieci minuti. Anche l’intero processo di gestione delle carte è stato semplificato: nel funzionamento multi-conducente, le carte non vengono più lette singolarmente e una dopo l’altra prima che il viaggio possa iniziare. Le carte vengono ora lette solo dopo che entrambi i conducenti hanno effettuato le loro iscrizioni manuali e, se lo desiderano, hanno già iniziato il viaggio. Questo è un vantaggio che i conducenti di autobus in particolare apprezzeranno.

Una migliore panoramica dei tempi di lavoro e di guida

Una caratteristica speciale è la visualizzazione dell’orario di lavoro rimanente. Oltre al tempo di guida giornaliero, ai periodi di pausa e riposo accumulati e al tempo di guida settimanale, il DTCO 4.0e può anche visualizzare l’orario di lavoro. I gestori di flotte possono anche contare il tempo di standby come orario di lavoro e ora è possibile impostare ancora più funzioni di allarme per il tempo di guida continuo, il tempo di guida giornaliero, il tempo di guida settimanale e i periodi di riposo giornaliero e settimanale.

Alla ricerca dei “ladri di tempo”

Anche i conducenti si sono uniti a VDO nella ricerca di “ladri di tempo” nel dispositivo. Ad esempio, l’espulsione meccanica della scheda è stata accelerata e la regolazione delle funzioni di comfort come le impostazioni del sedile individuale e dello specchietto retrovisore esterno del conducente corrente (nei modelli di veicoli che offrono questa opzione) tramite ID conducente è stata ora drasticamente ridotta da 18 a 3 secondi. Anche il processo di inserimento dell’impostazione del paese è stato migliorato. In conformità con il regolamento UE 165/2014 per i tachigrafi nel trasporto su strada, quando i conducenti effettuano un’immissione manuale, viene visualizzato il simbolo del paese in cui inizia e termina l’orario di lavoro giornaliero. Grazie al ricevitore GNSS integrato e a una mappa europea memorizzata, il dispositivo ora riconosce quando è stato attraversato un confine nazionale e offre ai conducenti il paese pertinente per la selezione per impostazione predefinita. Ciò elimina lo scorrimento dispendioso in termini di tempo.

Poiché non è necessario alcun nuovo hardware, l’installazione della nuova versione alla successiva ispezione dell’officina è un compito relativamente semplice. Coloro che trarranno il massimo beneficio da questo investimento gestibile nell’aggiornamento del software sono i conducenti nei settori dei trasporti, della logistica e degli autobus e saranno estremamente grati per le funzioni di comfort fornite dall’aggiornamento.


IL DTCO 4.1 – IL FORNITORE DI DATI DEL FUTURO

Con l’integrazione del tachigrafo intelligente in un’infrastruttura di trasporto sempre più digitale, questo dispositivo sta ora svolgendo un ruolo molto più importante. Il pacchetto di mobilità dell’UE I dell’Unione europea, recentemente adottato, si basa anche sul tachigrafo intelligente come fornitore affidabile di dati per il controllo del cabotaggio. Considerando le opportunità che saranno disponibili per gli utenti del dispositivo in futuro, le sue descrizioni originali come “tachigrafo” o “dispositivo di controllo CE” non rendono più giustizia al suo ruolo futuro.

E questo è solo l’inizio.

“Molte sfide nel settore dei trasporti possono già essere risolte oggi grazie ai dati affidabili del DTCO 4.0”, afferma Marcello Lucarelli, Head of the Commercial Vehicles & Aftermarket EMEA business segment di Continental. Motivo sufficiente per lui per dare alla sua presentazione al Continental Commercial Vehicle Day 2020 a settembre il titolo “E questo è solo l’inizio!” Il collegamento dei dati del tachigrafo con i calcoli di leasing e i sistemi di bonus conducente sono solo due esempi degli scenari di utilizzo versatili di questo fornitore elettronico di dati affidabili. L’aggiornamento già annunciato per il DTCO 4.0 porterà anche funzionalità aggiuntive come la possibilità di verificare i dati da un sistema di pesatura di bordo e trasmetterli dal veicolo. Lucarelli sta già promettendo funzionalità ancora più utili per il DTCO 4.1, che sarà disponibile al più tardi nella primavera del 2023. “Non ci sono quasi limiti alla nostra immaginazione in termini di ciò che può ottenere”, afferma entusiasta.

Giochi mentali visionari.

Processi di pensiero visionario e un’immaginazione sfaccettata possono infatti aiutare a cogliere appieno il significato futuro del tachigrafo intelligente.

Il DTCO® 4.0 ha già un’antenna GNSS integrata con potente ricezione e accesso a sistemi satellitari come Galileo, GPS e GLONASS. Il posizionamento supportato da satellite viene utilizzato per registrare la posizione di un veicolo all’inizio e alla fine dell’orario di lavoro giornaliero e (attualmente) dopo tre ore di guida attivo. Oltre alle funzioni di base di registrazione dei dati del conducente e del veicolo, un tachigrafo collegato in rete digitale consentirà anche di monitorare il rispetto delle norme sociali e persino di semplificare il calcolo e il pagamento di bonus per un corretto comportamento di guida.

Con la sua interfaccia DSRC, il nuovo DTCO 4.0 fornisce già funzioni che potrebbero essere utilizzate in futuro per armonizzare la contabilità dei pedaggi e il monitoraggio dei pedaggi in tutta Europa. I sensori situati sull’asse potrebbero anche trasmettere dati crittografati sul peso e sul carico per asse all’infrastruttura protetta del tachigrafo – e da qui, il tachigrafo alimenterebbe questi dati in un calcolo del pedaggio che sarebbe sia affidabile che individuale. In questo modo, anche l’inclusione della classe inquinante della motrice sarebbe concepibile.

Soprattutto, modelli di polizze assicurative redditizie potrebbero essere sviluppati in collaborazione con il settore assicurativo, poiché l’assicurazione per le flotte costituisce una parte considerevole dei loro costi operativi. Ad esempio, i dati del tachigrafo potrebbero essere collegati ai dati sulla frequenza degli incidenti lungo percorsi specifici. I camion che viaggiano regolarmente su un’autostrada particolarmente soggetta a incidenti o devono percorrere lunghe distanze attraverso le aree urbane avrebbero polizze assicurative diverse rispetto a quelli che viaggiano su percorsi meno frequentati o secondari. Politiche più personalizzate e dinamiche garantirebbero una maggiore efficienza sia per gli assicurati che per gli assicuratori, e l’integrazione aggiuntiva dei dati sul tipo di carico, sul carico per asse e sul comportamento del conducente potrebbe perfezionare ulteriormente questi risultati.

Fornire dati meteorologici aggiornati lungo il percorso era una visione irraggiungibile del futuro per conducenti e flotte, ma la società tecnologica Continental ha da tempo ricercato e sviluppato le possibilità offerte dall’espansione della rete 5G con latenza nell’intervallo di millisecondi come parte della comunicazione V2V e V2X. Ad esempio, i sensori sulle spazzole tergicristallo o sui finestrini dei camion potrebbero rilevare l’inizio della pioggia mentre accade e condividere queste informazioni con i seguenti camion o compagnie assicurative.

Garantire la protezione dei dati e prevenire la manipolazione. 

L’attenzione dei Big Data nella gestione della flotta è sempre rivolta al tachigrafo digitale come fornitore di dati accurati e affidabili. Tuttavia, dove i dati vengono raccolti, c’è sempre il rischio di uso improprio o manipolazione dei dati. Il DTCO 4.0 è già conforme agli elevati standard di sicurezza e protezione dei dati per il trattamento dei dati personali previsti dalla Direttiva UE 2016/679. Qualsiasi tentativo di manipolazione dei dati è anche contrastato dal miglioramento crittografico della comunicazione tra tachigrafo e sensore, da una crittografia elettronica più approfondita e da una procedura di sigillatura del dispositivo ancora più sicura. I produttori di tachigrafi sanno che la prevenzione digitale della manipolazione e la protezione dei tachigrafi e dei sensori contro l’uso improprio sono processi senza fine – e VDO investe tanto in questi processi quanto nella sicurezza e nella semplificazione dei processi di test in conformità con il § 57b. Anche i workshop che effettuano i controlli di conformità hanno una responsabilità speciale, ma il nuovo Workshop Tablet accelera notevolmente il controllo §57b e aiuta anche a scoprire rapidamente le incongruenze nei dati. Questo pratico dispositivo documenta anche l’intero processo di test con attenzione e completamente, in modo che qualsiasi tentativo di manipolazione venga rapidamente rilevato e possa essere dimostrato in dettaglio.


Scarica gratis il manuale DLK Pro Tis-Compaq

Iscriviti per scaricare il manuale completo!

We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. We also share information about your use of our site with our social media, advertising and analytics partners. View more
Cookies settings
Accept
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie name Active

Privacy Policy

MODELLO INFORMATIVA PRIVACY ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 13, del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE

Desideriamo informarLa che il Regolamento Europeo n. 679 del 27 aprile 2016 sul trattamento dei dati personali prevede la tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali. Ai sensi dell'articolo 13 del REG. UE 2016/679, La invitiamo, pertanto, a prendere atto della informativa e ad esprimere il consenso al trattamento dei dati, firmando e restituendo l’allegata scheda.

1. Estremi identificativi del Titolare (e di eventuali altri soggetti)
Il Titolare del trattamento è l’impresa Xena Projects Srl, via Cesare cantù, 30 - 20092 Cinisello Balsamo(MI) - Italia - info@xenaprojects.com - www.xenaprojects - P.Iva 06081090968
Il trattamento dei dati personali forniti è finalizzato unicamente a

  • Esecuzione del contratto.
  • Adempimento di obblighi previsti da leggi connessi al rapporto contrattuale.
  • Gestione del contratto.
  • Tutela dei diritti contrattuali;

La base giuridica del trattamento è il contratto, nonché l’esplicito consenso.

3. Modalità del trattamento
I dati personali verranno trattati in forma cartacea, informatizzata e telematica ed inseriti nelle pertinenti banche dati cui potranno accedere gli incaricati al trattamento dei dati.
Il trattamento potrà anche essere effettuato da terzi che forniscono specifici servizi elaborativi, amministrativi o strumentali necessari per il raggiungimento delle finalità di cui sopra.
Tutte le operazioni di trattamento dei dati sono attuate in modo da garantire l’integrità, la riservatezza e la disponibilità dei dati personali.

4. Periodo di conservazione dei dati
I dati forniti verranno conservati per tutta la durata del rapporto contrattuale e per i successivi periodi previsti dalla Legge in materia di conservazione dei dati fiscali e amministrativi.

5. Ambito di comunicazione e diffusione dei dati
In relazione alle finalità indicate al punto 2 i dati potranno essere comunicati ai seguenti soggetti:

  • Istituti bancari per la gestione di incassi e pagamenti;
  • Società e studi legali per la tutela dei diritti contrattuali;
  • Studi di commercialista per la contabilità;
  • Fornitori di terze parti per l’attivazione di servizi;

6. Diritti di cui agli artt. 15, 16, 17 18, 20, 21 e 22 del REG. UE 2016/679
La informiamo che in qualità di interessato ha oltre il diritto di proporre reclamo a all’Autorità di controllo, i diritti qui sotto elencati, che potrà far valere rivolgendo apposita richiesta al Titolare del trattamento e/o al responsabile del trattamento, come indicati al punto 1.

Art. 15-Diritto di accesso
L’interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la conferma che sia o meno in corso un trattamento di dati personali che lo riguardano e in tal caso, di ottenere l’accesso ai dati personali e alle informazioni riguardanti il trattamento.

Art. 16 - Diritto di rettifica
L'interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la rettifica dei dati personali inesatti che lo riguardano senza ingiustificato ritardo. Tenuto conto delle finalità del trattamento, l'interessato ha il diritto di ottenere l'integrazione dei dati personali incompleti, anche fornendo una dichiarazione integrativa. 3

Art. 17 - Diritto alla cancellazione (diritto all’oblio)
L'interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la cancellazione dei dati personali che lo riguardano senza ingiustificato ritardo e il titolare del trattamento ha l'obbligo di cancellare senza ingiustificato ritardo i dati personali.

Art. 18 - Diritto di limitazione del trattamento
L'interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la limitazione del trattamento quando ricorre una delle seguenti ipotesi:

  • L'interessato contesta l'esattezza dei dati personali, per il periodo necessario al titolare del trattamento per verificare l'esattezza di tali dati personali;
  • Il trattamento è illecito e l'interessato si oppone alla cancellazione dei dati personali e chiede invece che ne sia limitato l'utilizzo;
  • Benché il titolare del trattamento non ne abbia più bisogno ai fini del trattamento, i dati personali sono necessari all'interessato per l'accertamento, l'esercizio o la difesa di un diritto in sede giudiziaria;
  • L'interessato si è opposto al trattamento ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 1, in attesa della verifica in merito all'eventuale prevalenza dei motivi legittimi del titolare del trattamento rispetto a quelli dell'interessato.

Art. 20 - Diritto alla portabilità dei dati
L'interessato ha il diritto di ricevere in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico i dati personali che lo riguardano forniti a un titolare del trattamento e ha il diritto di trasmettere tali dati a un altro titolare del trattamento senza impedimenti da parte del titolare del trattamento cui li ha forniti.
Nell'esercitare i propri diritti relativamente alla portabilità dei dati a norma del paragrafo 1, l'interessato ha il diritto di ottenere la trasmissione diretta dei dati personali da un titolare del trattamento all'altro, se tecnicamente fattibile.

Art. 21 - Diritto di opposizione
L'interessato ha il diritto di opporsi in qualsiasi momento, per motivi connessi alla sua situazione particolare, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettere e) o f), compresa la profilazione sulla base di tali disposizioni.

Art. 22 - Diritto di non essere sottoposto a processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione
L'interessato ha il diritto di non essere sottoposto a una decisione basata unicamente sul trattamento automatizzato, compresa la profilazione, che produca effetti giuridici che lo riguardano o che incida in modo analogo significativamente sulla sua persona.

Save settings
Cookies settings